La Spirale della conoscenza

La pelle ha memoria, ricorda
è vero
ogni inizio di stagione (metereologico o solare) le sensazioni fanno affiorare i ricordi
Assurdo ma in questo periodo (così come un anno fa, così come due,..) mi capitano flashback sensorialiattinenti alle nausee.. quelle che, 3 anni fa proprio in questo periodo, avevano bussato alla mia porta ( sino alla 17a settimana di gravidanza! Ero deperita)
a questi si sommano quelli degli anni successivi…
il fruscio della fascia e il mio senso di inadeguatezza come madre (ricordo l’angoscia)
i primi lavoretti (un anno fa) e la chiazza di serenità che piano piano si stava espandendo eliminando la piaga dell’ansia
e il prossimo anno si uniranno i tasselli di questo presente
un’istantanea dinamica che non saprei descrivere in altro modo “non voglio niente di più, amo ciò che vivo”
Il topolino di casa ha compiuto 28 mesi,
alcuni suoi coetanei stanno iniziando l’asilo (a me sembrerebbe comunque troppo presto)
non parlo di un asilo in generale ma quello del nostro paese, purtroppo mal strutturato, con due educatrici spesso in lite, con attività (s)fatte giusto per passare il tempo
mi spiace, mi fa male essere a conoscenza di questi fatti!
Noi pensiamo che in futuro (fra un annetto) ci appoggeremo a quella scuolina incentrata sull’homeschooling per due mattine alla settimana (al mattino BGM è con mia mamma – che spesso lo porta in ufficio da me – perchè io lavoro); è un ambiente che sentiamo nelle nostre corde e che fonde vari spunti tratti da Steiner, Montessori, Munari, Gordon
manipolano creta, fanno yoga, hanno il loro angolo del cucito,
ma, soprattutto,
il loro approccio è votato alla comprensione
Detto questo e lasciando al divenire ciò che è in divenire
vengo al nostro oggi (con profumo di ieri) e agli introduttivi flashback
questi ultimi mi rimandano immagini strutturate, di proposte timorosamente avanzate, di pensieri e organizzazione
ora, non posso certamente dire che non esistano pensieri, proposte o organizzazione
anzi, eccome se ci sono
ma, ma, ma, …..
nascono dalle continue domande e idee della Meraviglia di casa
(non mi sarei mai aspettata questo turbinio di domande e proposte a 27-28 mesi : durano tutto il giorno)
non serve (più) pensare a cosa fare, dove andare, cosa cercare
basta sedersi e mettersi a disposizione
per esempio, così facendo,
da un poster-percorso
ci siamo trovati ad osservare la mucca, a collegare la presenza di mammelle e il discorso sul latte alla parola “mammifero” (interiorizzata, tra i vari modi concreti, anche così)
passando anche per l’espressione “ruminare/ruminati”
con tanto di imitazione, cosa che fa sempre centro!
Posso invocare di nuovo il Bruner? Si? Lo faccio!  Ecco, del suo pensiero ho sempre amato (perchè è così che l’ho sempre concepita) l’immagine della conoscenza/apprendimento come una spirale che partendo dal basso sale sempre più su, nel corso del tempo, ingrandendosi ed arricchendosi. Non è certo la prima volta che BGM vede una mucca – disegnata o dal vivo che sia – ma è stata la prima volta – a me nota – che ha tirato in ballo il nuovo particolare.
Insomma, nel corso di due anni (partendo chiaramente da zero) ha imparato che
– quel soggetto è chiamato “mucca”
– quel soggetto chiamato “mucca” è un animale
– la mucca è un animale che mangia *erba, ossia erbivoro
– la mucca è un mammifero
–  la mucca è un mammifero, erbivoro, ruminante
e la spirale continua…
il che, in soldoni, significa che ha dato un nome a ciò che si vive e si vede (ormai,appunto, a suon di domande),  
un percorso così *straordinariamente fisiologico* ! 

3 pensieri su “La Spirale della conoscenza

  1. Bellissime considerazioni!! Beati voi che potete appoggiarvi ad una scuolina Homescooling.. dov'è ora Jodie (alla materna delle suore.. io e il padre siamo agnoatici :-D) sta molto bene, conosco la struttura (ci andavo io :-D) e le maestre sono in gamba, certo non montessoriane o steineriane… più spartane direi 😀
    Quello che mi preoccupa sono le elementari con il sistema che c'è.. non mi piacciono! Giudizi sulle capacità dei bambini basati su voti soggettivi attribuiti dal maestro.. poco spazio alla creatività ecc.. 😦

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...