Blog di Didattica

E’ passato un mese e mezzo dall’ultima pubblicazione,

sono molto impegnata con il cammino dell’ Ass. Cocùn ,

a breve, poi partirà il blog afferente al sito il quale, tra i vari articoli, ingloberà anche le mie riflessioni sula genitorialità, sul libero apprendimento e affini.

Il tempo è quindi poco,
ma “casa è sempre casa”, ragion per cui ho deciso di mantenere vivo questo angolo archiviando qua parte della “didattica” che prende vita nella nostra quotidanità;
ciò per due ragioni : prima di tutto per la gioia di mantenere attivo questo spazio di web che sa di focolare domestico, in seconda battuta per una sorta di “tranquillità”.
So che , tecnicamente, manca un anno all’ufficiale inquadramento ministeriale del percorso didattico di BGM, ma i timori sono già presenti : ogni informazione acquisita, ogni approfondimento maturato o in corso, ogni danza di conoscenza avviene in modo spontaneo e libero, il che, per quanto sia fondante, diciamo che fatica a inquadrarsi nella schematizzazione ministeriale.
Il fatto di porre mente e “annotare” (qui o privatamente) il dato esteriore che da lui sgorga,
mi/ci può aiutare a mantenere una maggiore serenità, a comprendere come “mediare” con l’istituzione, etc.

Bando alle ciance,

ecco qua BGM nel tripudio dei suoi 5 anni mentre osserva ed ascolta un concerto corale sabato sera-

E’ difficile da descrivere,
sta sbocciando! E’ sempre più aperto ad accogliere il mondo, gli input esterni, le occasioni di vita. Sta incominciando a stringere salde amicizie, in particolare adora il Tarta con cui ultimamente condivide la cura di non so quanti draghi e tigri.

Al momento le sue principali passioni sono costituite dagli imperituri dinosauri, dagli animali (in particolare dice di voler diventare erpetologo) e dai numeri…numeri…e numeri…eeeee numeri…eee…

Conta e misura tutto.
Quando non sa cosa fare…conta.

Di sicuro non è genetico
o, per lo meno, non ha preso da me!

Il suo più grande recente desiderio? Avere una rotella da 20 m (c’è)

Per il compleanno gli abbiamo regalato il “serpente montessoriano”,
uno strumento che si presta a molteplici attività (poi ha un nome così invitante, no?),
la sua preferita è la pura creazione di serpenti (da contare, contare, contare,…)

Qui sotto per esempio
il serpente è una sensoria prova del nove del quadrato della somma (rif. Psicoaritmetica, Montessori)

Effetto collaterale del contare e del misurare è la necessità di giostrarsi con le equivalenze. Qui sotto c’è la scala del metro, non è un’immagine completa, manca l’area plastificata che funge da divisorio unitamente alla virgola e i numeri plastificati. Completano l’alveo del materiale le mani, i piedi, il metro e i regoli (si inserirebbero perfettamente le aste montessoriane blu e rosse, se solo le avessimo)

Una parentesi tra conti e affini è rappresentata dai prodomici della chimica. Qui per esempio è raffigurata la sinergia tra tavola degli elementi e il geomag (altro materiale molto versatile) per rappresentare l’unione delle molecole che compongono elementi conosciuti (sale, acqua, saccarosio, etc)

Alla prossima 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...