Composizione orale: sviluppare il talento dall’infanzia

Capita che si giunga agli studi superiori senza aver fatto esperienza e interiorizzato un metodo per creare composizioni, recensioni e tesine orali o scritte.

Ci si esprime in modo goffo ed incerto, pensando a quali criteri soddisfare per sfangarla in qualche modo, senza provare passione, interesse e attenzione alla sostanza del proprio comporre.

Sviluppare e mantenere questa passione sin da bambini/e è un dono, anzi un talento (in certi casi, acquisito) utile per tutta la vita (parola di chi ha dovuto sudare per apprendere un metodo in “tarda” età).

Ho invitato, quindi, i bimbi a scegliere un libro che piacesse loro (e anch’io ho fatto lo stesso).

Ho iniziato io per rompere il ghiaccio, seguita da L. (4 anni e mezzo) che ha fatto la recensione del libro di Inside Out – Ed. Giunti. Sono rimasta piacevolmente stupita dalla sua scioltezza (supportata, sicuramente, da un’indole intrinsecamente chiacchierina).

Nel frattempo G.M. (quasi 8 anni) si contorceva sostenendo di aver paura, una paura indefinita, interiore, atavica di esporsi. E’ da tempo che stiamo “lavorando” su questo aspetto legato alla sicurezza di sé. Il suo corpo spesso flesso manda un messaggio traducibile con un “sento che tutto è più grande, più forte e più pesante di me”. Negli ultimi tempi ha fatto grandi passi evolutivi nella propria sicurezza ed autostima, grazie alla spinta naturale ed esperienziale di crescita (e, perché no, grazie anche ad esercizi di PNL e qualche spruzzata di oli essenziali e Fiori di Bach).

Ha iniziato la sua composizione orale un po’ titubante e, nel giro di pochi secondi, si è sciolto.

Alla fine ha sintetizzato l’esperienza dicendo: “Non sapevo che fosse così facile”!

 

Perché un registratore?

L’idea del registratore me l’ha data Lorenzoni   quando parla delle lezioni e condivisioni fatte nella classe di Giove. Ho pensato che fosse un tesoro prezioso per le nostri “lezioni” (in senso montessoriano) filosofiche e non solo. Nel caso delle recensioni, oltre ad essere uno splendido ricordo che riemergerà fra un po’ di anni, è uno strumento utile per riascoltarsi e tracciare la propria evoluzione nel corso del tempo.

 

A proposito di strumenti tecnologici, questa mattina* G.M. ha un approfondimento da condurre sull’analisi grammaticale, con tanto di videocamera… presto vi svelerò i dettagli!

 

 

 

* al mattino sono in ufficio e G.M. si gestisce studiando da solo (sulla base di una traccia settimanale).

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...