Asilo si, asilo no

BGM ha deciso di andare alla materna.

Un attimo,

qui al nord non è così consueto, ma in questo caso è d’obbligo il passato remoto,
ricomincio.

BGM decise di andare alla materna.

Ebbene si, l’entusiasmo era tanto. Il primo giorno è corso all’ingresso ed è entrato con una gioia indescrivibile!

Nessun problema o trauma di distacco

[alla faccia di chi dice che i bambini accolti e cresciuti in un ambiente ad alto contatto – con co-sleeping, massaggi, senza punizioni e premi ma con l’ascolto e la comunicazione empatica, etc. – crescono insicuri e dipendenti]

La sua reazione mi ha dato fiducia : se lui si trova bene, andrà tutto bene!

Il suo interesse, però, è durato una settimana (7 giorni intesi come somma, non come periodo consecutivo),

dopo di che ha annunciato di non voler più andare.

Il motivo è semplice ed è stato dichiarato in modo esplicito : si annoia.

Gli piace il gioco libero,
ma non il dover colorare ogni giorno
(alla stessa ora, aggiungo io).

In effetti, non sono proposte altre attività.

Lui vorrebbe leggere libri, giocare fuori, o…..ma questo al momento non è previsto (gli è piaciuta l’uscita in biblioteca, ma avviene una volta al mese).

Ormai l’iscrizione è fatta.

Sono onesta : abitiamo in un piccolo paese e io non so come gestire questo fardello!

L’asilo va benissimo, la struttura è eccellente,
semplicemente non fa per lui, non fa per tutti.

Nel frattempo stiamo anche incominciando a carburare nella gestione a tre (ossia quando il papà è al lavoro).

Il piccolo Hatha ama molto dormire il mattino nel mei tai
e noi ne approfittiamo per eseguire qualsivoglia attività.

Al pomeriggio – fino a sera – invece non fa che 2-3 riposini di mezzora ragion per cui è coinvolto anche lui nelle varie attività della casa, vuoi in braccio, vuoi in fascia o vuoi sul tappeto o sul lettone :
massaggi, dialoghi, letture, strisciatine

Il cucciolo adora stare a pancia in giù e, così facendo, si sta allenando….per andare avanti!

Alza il sederino e se trova un appiglio – zac – si spinge in avanti!

C’è una bella armonia!

Lo scrivo anche per rassicurare quelle mamme (magari figlie uniche) che passano di qua e che serbano dentro qualche timore per il passaggio da uno a due bambini!

Il nuovo equilibrio non è immediato, ci mancherebbe,
ma arriva,
eccome se arriva!

E gira tutto intorno la stanza…

E’ passato del tempo dal mio ultimo post.

Ho pensato anche ad un trasloco,
ma..
non so…
questo angolo mi sa di casa! Ci sto bene! Non sono pronta per salutarlo definitivamente.

Dicevo,
è passato del tempo.

Il piccolo Hatha ha 1 mese e mezzo e, come gli dico sempre, non so se esista il paradiso, ma so che lui lo porta dentro di sé!

Sono felice ed onorata di essere stata scelta come madre di queste due persone che chiamo “miei figli”.

BGM è cresciuto parecchio in quest’ultimo mese.
E’ come se la nascita del fratello gli avesse dato uno sprone, una spinta verso una nuova tappa di crescita!

Il piccolo Hatha è, a sua volta, un tripudio di sorrisi, versetti, coccole e armonia!
Il nostro percorso mi fa sentire completa…il nostro allattamento (una sorta di autoterapia anche per la Marika-mai-allattata), il continuo portage (col mei tai o semplicemente con le braccia), i massaggi, il dormire insieme vicini vicini, il contatto pelle a pelle, il nostro dialogo e.c., insomma, i nostri due percorsi che si intrecciano in una danza mi dà l’energia per affrontare ogni giornata,
quell’energia che, altrimenti, sarebbe già totalmente esaurita.

Si, perché, insieme a questi primi passi insieme c’è anche tanta stanchezza,
qualche mia lacrima,
un po’ di frustrazione.

A volte mi domando come facciano o abbiano fatto le altre mamme!

Ci sono giornate o gruppi di giornate veramente sotto tono per me!

BGM che chiede risposte, attenzioni, tutta la dedizione di cui finora ha goduto, come natura saggiamente richiede,

il piccolo Hatha che ha necessità di soddisfare le sue esigenze e di conoscere/giostrarsi con questo nuovo mondo,

la mia Essenza che vuole dare tutto ciò

e la mia Fisicità che crolla.

Come fanno le mamme a destreggiarsi tra più sacrosante richieste?

Io non lo so.

La danza, comunque, continua

Igiene naturale : il "nuovo" percorso

L’esistenza del piccolo Hatha mi ha sin da subito contornata di energia tramite e grazie il reciproco dialogo aperto.

La nostra maternità ha tramutato in realtà quel continuum di cui avevo una conoscenza per lo più teorica (mi riferisco al continuum “senza interruzioni” che con BGM ho vissuto e compreso solo dopo la preziosa metamorfosi che la sua esistenza mi ha donato).

Avendo vissuto queste prime due settimane a continuo contatto (pelle a pelle ogni qual volta possibile),
pensare all’E.C. è stata più un’evoluzione naturale che una scelta.

Proprio perché si tratta di un’estensione spontanea, non posso dire di aver abbandonato completamente i pannolini (lavabili), né che la comunicazione ha “riguardo” preciso numero di pipì né fornire chissà quale altro dato,

ma posso dire di amare questa estensione di dialogo,

di amare quell’intesa che, nell’assenza di parole, ci rende uniti e complici.

"Ormoni innamorati"

Tra allattamento al seno, co-sleeping pelle a pelle, mei tai, massaggi, contatto continuo

ho gli ormoni innamorati!!

Passerei il giorno ad allattarti, annusarti, coccolarti, a parlarti, a leggere e cantare per te.

Non svegliatemi, se è un sogno!

Venero la Saggezza della Natura!

Da 11 mesi a questa parte mi sento catapultata in un mondo a sé,
colorato, pieno di benessere, endorfinico direi

Questo senso di beatitudine ed estasi che mi pervade si pone come continuazione delle sensazioni provate una settimana (e 12 ore fa) durante la nostra Danza!

C’è stanchezza, ci sono sbalzi, lacrime che escono da sé
ma non fanno paura come 3 anni e mezzo fa,
non bloccano,
sono uno sprone!

Ringrazio l’Universo e
ringrazio il tuo Essere e il tuo Esistere, piccolo Hatha




Praticità per praticità : 

oltre a consigliare a tutte le mamme l’uso del mei tai e/o della fascia (sul serio, provare per credere!!)
vorrei farvi vedere questo :



Non è bellissimo?!?

E’ frutto del lavoro sopraffino di Sibia!
Ben rinforzato e con pannello adattato di modo da poterlo utilizzare in modo pratico sin dai primissimi giorni!


E a proposito di Sibia…

Esterno anche qui la mia gioia :

Benvenuta al mondo Cangurina!!


Piccolo Grande Hatha

2 Novembre 2012


Sei venuto alla luce piccolo Hatha e io sono sbocciata a vita nuova con te!
Il percorso che sinora ci ha condotti sin qua è stato così profondo, totalmente intriso della tua saggezza!
Siamo entrati in contatto spirituale poco meno di un anno fa,
ti sentivo, parlavamo nel fluire superiore dei pensieri.
Poi la scoperta “a sorpresa” della tua esistenza fisica!
Che emozione, che colpo!
Ricordo la paura delle prime settimane, quel terrore che induceva il chiacchierone emisfero sinistro a negare ogni informazione pur di stare tranquillo.
Ricordo anche la serenità di quelle stesse prime settimane quando, in luoghi e situazioni interiormente esclusive, ti sentivo vivere. Difficile da spiegare, forte da sentire. Ti sentivo!
Il percorso ha continuato sereno il suo cammino.
Tu donavi chiavi d’accesso a colori e sensazioni prima inesplorate,
io – tua allieva di vita – mi spalmavo di queste essenze.
Sin da subito è stata forte la fiducia in Noi, la nostra diade esclusiva.
Percepivo la sacralità della nostra esigenza di non esser disturbati da convenzionali patologismi, da invadenti e spesso inutili controlli e manipolazioni.
Bastava l’essenziale : Viverci!
Il percorso pratico si è votato, accogliente, a questo inno interiore.
La tua venuta alla luce era attesa fra queste mura, nel nostro nido quotidiano
ma la Vita non può esser Vita se non ammette sfumature, ossimori, cambiamenti, evoluzioni…
I Protocolli hanno fretta, oltre le 41 + 5 non si può andare.
Ti ho chiamato, mi hai sentita….
entrambi eravamo perplessi nei confronti di tempistiche generalizzate.
La Vita, sempre Lei, ci ha offerto l’opportunità di rendere nostra, unica e speciale, una situazione che fino a quel momento non avevamo contemplato, anzi, che avevamo proprio evitato!
Un’occasione straordinaria di conoscere realtà che non hanno nulla di ospedaliero e che non puzzano di “patologia”,
l’occasione di esser accolti in un ambiente dove è fondamentale il rapporto umano e il rispetto altrui.
Una piccola dose di prostaglandine,
una piccola nota per dare il LA – così è stata definita,
così è stata.
La nostra danza ha inizio alle 4 del mattino;
il buio di una camera confortevole e solitaria ha fatto da contorno al canto.
L’atmosfera era magica…e poi, il nostro canto…. il nostro dialogo
Alle 5 ti ho sentito fisicamente più vicino,
da quel momento l’acqua è diventato il nuovo canale sensorio.
Il canto diviene selvatico, selvaggio, mammifero, saggiamente incontrollato.
Ad ogni onda seguitava un benessere mai provato,
il corpo si rendeva potente nell’accogliere i picchi
e benevolo laddove la fatica era stata più grande.
“Ti aspetto, sei bravissimo, ti amo” erano le parole che più sentivo di doverti dedicare, mentre tu mi donavi l’onore di scendere fisicamente in questa evoluzione di vita.
Sei nato nella posizione del Pensatore alle 6,10 di quella stessa mattina.
Da quel momento non ci siamo ancora separati un istante e questo mi fa sentire così felice e grata!
Per quattro ore consecutive i nostri corpi nudi si sono scaldati vicendevolmente di amore e, anche successivamente, nessuna intromissione ci ha sfiorati (finalmente i protocolli tacciono rispettosi).
Dopo 26 h siamo tornati nel nido che ci attendeva.
Che fluire di emozioni!
Questo contatto fisico continuo poi, te lo devo dire piccolo Hatha, è così rigenerante!
Ovvietà per non scontata ovvietà : la natura è proprio saggia! 
Basta non interferire e lei sa illuminarci con solerzia!
Con emozione ti osservo in queste prime ed importanti fasi di crescita,
con onore osservo quei seni dai quali, da domenica, sgorga un nuovo prezioso Nutrimento di Vita!
Grazie di avermi scelta come tua madre,
Grazie per esser sceso nelle nostre vita,
Grazie perché sei Tu!