Fine Luglio

Le giornate scorrono così.
Semplici, intense.
Tra autoproduzione di conserve, sughi e marmellate per l’inverno
e pane e dolci per il presente
Abbiamo trascorso un fine settimana in montagna,
una vera novità visto che, da 9 mesi a questa parte,
il nostro vagabondaggio si è ridotto (per non dire estinto).
Abbiamo anche avuto modo di visitare le Grotte del Caudano
dove BGM è rimasto affascinato soprattutto dai segni lasciati 
dagli artigli dell’Orso Speleo

Ebbene si, dopo 2 anni di esclusiva per i dinosauri,
gli orizzonti si sono ampliati, andando ad inglobare altri animali :
da quelli preistorici a quelli tuttora esistenti.
Non a caso, l’altro giorno è andato a riprendere un gioco 
del quale aveva sfruttato solo la “componente dinosauresca”.
Tra i materiali non ancora utilizzati c’erano queste impronte
che, incorniciate su sfondi di cartoncino,
sono ora una delle attrattive più quotate da entrambi i pargoli.
E poi, ancora, ci sono i lavori domestici
 e le attività pratiche
….chi col mocio (prerogativa del Piccolo Hatha)
chi con stracci, 
chi con l’aspirapolvere…

 
Il Puer 
(altro soprannome oltre a Piccolo Hatha)
inizia a reggersi in piedi da solo,
intendo senza appoggi o mani di supporto.
Da solo.
Ha iniziato ad emettere una risatina particolare,
diversa da quando ride spanciato,
una risatina di soddisfazione,
secca e decisa,
propria dei momenti in cui è soddisfatto 
per esser riuscito a fare tutto autonomamente.
Che tipetto!

Infine 
(last but not least)
c’è questo.
Il foglio col quale BGM 
ha deciso di svelare la sua capacità di leggere.
Un caro ricordo, tutto qua.

Tramite dei racconti inventati,
ho anche scoperto che padroneggia 
le operazioni matematiche semplici (fino al 20, credo),
ma questa è un’altra storia.
Un’altra scoperta “inaspettata”,
un’altra conquista sua propria.

Cocon de soie

Cocon de soie è così che continuo a chiamarti piccolo germoglietto.

Continuiamo a spalmarci l’una dell’altr*, vibrando spesso in sintonia, a volte in risposta all’emozione dell’altro.

Come sei vitale!

Guardando e pensando a te e a tuo fratello non riesco mai (mai!) a trattenere le lacrime per la gioia immensa che provo!

Non so bene spiegarlo a parole, ma sento, so, che state entrando in contatto.

A volte lui poggia le mani sul grembo e tu, immancabilmente, ti fai sentire

tenerissimi i vostri dialoghi silenti, giocosi, complici

che spesso si chiudono con un “grazie” sorridente pronunciato da GM  (un “grazie” che ogni volta mi commuove e mi incuriosisce).

Sei molto recettiv* in tutto,
anche in questo momento, a quanto pare, hai sentito che sto pensando/scrivendo di te,

per non parlare dei momenti in cui la mia voce segue melodie
o comunica in francese (la lingua di pancia, emozionale),
o, ancora, dei nostri giochi esclusivi [sono sorpresa ed ammirata, sei instancabile e di una reattività tempestiva!  –> per i lettori, mi sto riferendo alla naturale interazione giocosa tra il tocco materno della mano e il movimento – nel nostro caso, pare una completa capriola –  del bambino]

Non sento fretta,
amo assaporare la danza di ogni giorno,
i nostri ritmi che parlano di amore e conoscenza reciproca,
lo sbocciare emozionale di un papà che sta togliendo il velo razionale di paura in uno slancio di fiducia nei confronti di se stesso, di noi, della perfezione della natura e dell’armonia dell’universo (uno sbocciare di cui non so quanto sia consapevole intellettivamente, ma che è presente, percepibile e sempre più saldo).

La scorsa settimana, poi, è stata piena di festa in onore della venuta alla luce di GM!
Che bei momenti!
Siamo partiti per un lungo we solo noi quattro! Ci voleva!

In più, vedere quegli occhietti brillare per i riscontri esterni in onore della sua esistenza (feste, auguri, coroncine), è stato veramente appagante!

Il giorno medesimo del suo compleanno è caduto un altro evento importante : la cerimonia dell’albero nel nostro paese!
Sono stati convocati tutti i bambini nati nel 2009 e nel 2010 per dare al proprio acero riccio il primo nutrimento!

Le date coincidenti hanno anche creato l’occasione per degli auguri inaspettati : un “Tanti Auguri” cantato in italiano dai bambini della materna e in inglese da quelli della primaria  [occhi ludici anche lì! che mamma!]

Ultimamente parliamo spesso di quest’albero, quasi quasi, se il tempo regge, oggi andiamo a salutarlo e a portargli altro nutrimento ricco di vitamine (ricavate dalla macerazione del gambo delle ortiche).

In occasione della cerimonia, abbiamo anche chiacchierato sulla scuola materna:
al momento mi ha detto (testuali parole) di non essere interessato a frequentarla quindi continuiamo col nostro percorso per alcuni selvaggio, per noi ricco di occasioni e di rispetto dei nostri ritmi.

Sono costantemente sorpresa dall’evoluzione del tutto (a partire dal nostro essere).

Non saprei sul serio da dove iniziare.
Ci provo.

Ha un non-so-che di rigenerante poter essere presente a molti dei suoi momenti di “ingegno quotidiano”,
non mi riferisco a niente di alieno,
ma a quei piccoli “problemi” quotidiani che si trova a risolvere da sé, seguendo la sua logica, lo spirito di previsione che sta maturando con la crescita e il suo istinto.

Ci è capitato, inoltre, “per caso” sotto mano la storia di Pinocchio (si intende quella di Collodi originale, non una rivisitazione) e senza troppo pensarci abbiamo iniziato a leggerla.
Sino a pochissimo tempo fa, non mi sarei azzardata perché sentivo l’esigenza di assicurare un’ambiente quasi puro , non me la sarei sentita di affrontare tematiche così complesse.
La lettura invece ora sta scorrendo fluida e ricca.
Le riflessioni di GM mi coinvolgono molto e, spesso, mi scaldano il cuore.

Cito un esempio fra i vari : leggendo il passo in cui Pinocchio vende l’abecedario, BGM ha esordito con una frase simile “Ma no, non è un monello, vuole solo giocare. Non è interessato”  argomentando con parole e sfumature che parlavano di comprensione e solidarietà nei confronti di chi si trova costretto a fare qualsivoglia cosa, non ricevendo alcun rispetto o senza esserne interpellato.

Complice il tempo piovoso e la tregua delle nausee e dei vomiti (a quanto pare in ogni gravidanza mi fanno compagnia sino a metà percorso), abbiamo anche ripreso a cucinare a ritmo pian piano più idoneo.

Sono felice perché finalmente i pasti di BGM e di tutta la famiglia stanno tornando di qualità.

Qui sotto, per esempio, i preparativi per la crema di fragole con succo di limone.

Le caramelle ricevute in regalo ci hanno offerto l’occasione per parlare degli zuccheri raffinati e dell’impatto sul corpo (chiaramente con considerazioni adeguate ad un treenne), tant’è che durante i preparativi qui documentati, mi è stata fatta più volte la domanda “Non ci sono zuccheri raffinati qui?” 


Insomma, la versatilità e la ricchezza quotidiana non mancano
e a volte sfrecciano persino più impetuose delle energie fisiche.

Il post è già troppo lungo,
mi fermo qui,
però, vorrei farvi virtualmente conoscere una persona con la quale sono entrata in contatto in questi giorni e con la quale speriamo di proseguire nel cammino :
si chiama Franca Forte, è un’ostetrica e molto di più,
qui il suo blog

Buona giornata a tutti  voi!

mmf

Attenzione : attività assolutamente per persone non golose!

Ecco come la fisica dei cambiamenti di status può mostrarsi accattivante, immediata, zuccherata e modellabile

Conoscendo la splendida amministratrice e parte dello staff del sito chechef.it,
spesso mi lascio tentare da idee che, se per loro sono pane quotidiano, per me suonano come qualcosa di alieno!

Tra le varie, in questo caso, ho pensato di sfruttare la ricetta delle decorazioni per torte mmf (ricetta)

BGM ha seguito in primissima persona l’intero procedimento
osservando i Mm che, da compatti e con una forma *solida*,
hanno iniziato a sciogliersi parzialmente

e, quindi, definitivamente

A quel punto, è arrivato un carico di zucchero a velo

un supporto che, unito alla manipolazione meccanica-manuale, ha ristabilito una notevole compatezza!

Il lavoro non è finito lì!  Memore di nozioni da matrimonio, ho rispolverato le spiegazioni impartitemi sulla struttura delle torte all’americana
e ne ho preso lo spunto per creare una struttura simile (si tratta di confezioni di cartone sottile incollate l’una sull’altra)

Questo è il risultato finale

BGM voleva creare un bimbo in acqua (chissà da chi avrà preso spunto?)
quindi ha tracciato l’acqua, ha fatto la testa e il busto del bimbo, ma le gambe non reggevano.. il lavoro di squadra ha dato i suoi frutti

C’è anche una farfalla (tenuta insieme grazie ad un altra strategia di squadra) tracciata e colorata dal piccolo koala
e un pallone, una delle sue passioni

in questa foto, tra le sue mani, un bruco (un altro dei suoi amori) che, come si può vedere, si sta spostando creando circuiti e vortici di colori

e una coccinella che ha preso forma da sé (era il pezzo rimanente), un pezzo nel quale BGM vi  ha visto una coccinella.. e da lì i colori con i puntini (velenosi, mi ha ricordato BGM emulando la faccia disgustata già immortalata qui – mamma mia che cucciolo piccolo che era, sembra passata un’infinità e invece…-)

Ora la torta con mmf troneggia su un ripiano in cortile,
è di vedetta,
dà un colorato benvenuto a chi entra

In cucina : Muffin di zucchine e basilico

La ricetta è questa (ormai si è capito che vegan blog è la mia fonte ufficiale di ricette)

Ed ecco i punti salienti del contributo del mio illustre socio chef :

Pelare le zucchine

Tritare  

e….e….e…. e qui la collaborazione si arresta ma il proseguo non è meno interessante

Partiamo con l’immagine

è qui raffigurata una specie ghiotta di latte di soia

come si può notare, il piacere di gustare è tale da istigare al tracannamento diretto da presunti boccali

Io sono una vegetariana in transizione (si dirà così?), prossima vegana
gli uomini di casa sono onnivori
eppure sto notando in loro una maggiore attenzione al cibo

il più grande lanciando qualche commento qua e là del genere “…però, è buono!”
il più piccolo sperimentando nuovi sapori e sfatando convenzioni (noi abitiamo in Piemonte e c’è carne ovunque! Sembra che non se ne possa fare a meno!)

Ognuno deve seguire il suo percorso senza forzature
e proprio perchè si parla di “non forzare” sono felice che il piccolo koala possa acquisire, a partire da un’età in cui non esistono stereotipi e formalismi, parte degli strumenti utili per operare scelte quanto più consapevoli nel corso della vita

In cucina : Biscotti con marmellata

Inizio subito col postare il link della ricetta, perchè al di là di ciò che racconteranno le nostre immagini, è una ricetta da provare!!!

Venendo a noi, la merenda della settimana era ancora da preparare,
avevamo un barattolo di marmellata e limone acquistato direttamente dal produttore (bio) in Francia, il problema è che la presenza del limone risultava un po’ “invadente” per i nostri palati.
Ho subito pensato a questa ricetta vegana!!
Ecco che fa l’ingresso l’amata farina (appena la nomino, BGM si illumina e urla “Siiiiiiiiiiiiiiiii!!!”) in un abito a due pezzi : farina di grano tenero e farina integrale di grano tenero
Il succo fatto in casa!

Mescolata

E si stendeeee!!
Questo per il cuore-di-mamma è un piccolo traguardo da celebrare : la prima pasta stesa interamente dal cucciolo di casa!

Ed infine si tagliano i biscotti, sia con forme regolari con il coltello
che in forme fantasiose con gli stampini

Quindi infornare, sfornare e testare la consistenza

prova stuzzicadenti

Buon appetito!!

In cucina : torta al thè gelsomino

Questa ricetta risale alla scorsa settimana (l’improvviso viaggio non mi ha permesso di postare prima) e trae le sue origini da uno dei miei favoriti siti vegani.
La ricetta completa la trovate, quindi, qui : http://www.veganblog.it/2011/05/30/torta-al-the-gelsomino/ con la sola variante che il nostro yogurt, ahimè, non era di soia e non era al naturale (sigh!)

La torta prevede, gnam, golosissime mele che BGM ha provveduto a tagliare per metà

dopo di che si prosegue con gli ingredienti come da ricetta

Ed ecco nella foto sotto, lo yogurt e lo zucchero montato! La frusta meccanica è uno degli attrezzi preferiti da BGM e devo dire che si è prestata per molte scoperte : dalla sua funzione più esplicità – quale è il meccanismo per far girare le fruste (quando il piccolo koala era più piccolino) – all’aspetto esteriore del montare, ad alcune scoperte più minuziose ma non meno evidenti..ebbene si, le bolle!! La forza meccanica della frusta, oltre a scomporre le molecole, incorpora l’aria che sia annida attorno ad esse!
Fantastico!!

Come sempre, amalgamiamo tutto a mano

Et voila, pronta per essere infornata

Che bontà!

In cucina : Torta di carote

Inauguro con questo post il diario dei nostri esperimenti in cucina.
Come già accennato, coinvolgo BGM in cucina da quando aveva 8 mesi
Da allora è passato un lasso di tempo consistente che ha scandito le tappe di crescita del piccolo koala e la diversificazione dei suoi interessi in questi frangenti di condivisione
E’ passato dal testare i vari ingredienti alla piena collaborazione nei preparativi.

In aggiunta, cucinare i cibi che andrà a mangiare, è per lui – pancia e appettito da pulcino – un’opportunità positiva, uno sprone interiore per assaggiare e gustare

La merenda da sempre ce la prepariamo noi,
una torta o qualche sfiziosità casereccia senza conservanti e ignote aggiunte industriali

Oltre ai preparativi per i pasti quotidiani,
questa settimana lo chef duenne ha preparato una torta alle carote
la ricetta è presa da qua : http://ricette.giallozafferano.it/Torta-di-Carote.html (noi però non abbiamo messo le mandorle né lo zucchero a velo)

Della torta ultimata non abbiamo foto perchè è stata azzannata da tutti!
Gnam!

Verso i 2 anni

Purtroppo non trovo sempre il tempo di aggiornare il blog quanto vorrei ma tant’è… la situazione è questa!

BGM si avvicina al compimento dei 2 anni! Da 10 giorni a questa parte è un turbinio di domande! Sono sempre stata ben consapevole della mia ignoranza ma mai avrei immaginato un abisso così profondo!
Il risvolto positivo è che non c’è da fingere : si cerca e scopre insieme! Fantastico!

Il piccolo koala ormai sa dove reperire i libri che gli forniscono le risorse enciclopediche teoriche, lui prende e porta a mamma : insieme si guarda e legge! Il sostrato da cui ci si muove è la vita quoditiana : una settimana fa abbiano notato per la prima volta il canto dei grilli, ora ci capita spesso di uscire la sera solo per ascoltare un pezzo di questa melodia; domenica abbiamo incrociato un tafano, ieri vespe, insomma la vita è un libro da sfogliare

Stiamo approfondendo il tema della forza di gravità aiutandoci con supporti come scale o trampolini improvvisati per fare previsioni su quale degli oggetti toccherà prima per terra, per il resto bastano lanci e verbalizzazioni

BGM è sempre stato un bambino acrobata : salti, giri, piroette, lanci, capriole. Tramite il gioco del “gira gira come una trottola” (ove la trottola che gira è la sottoscritta con BGM in braccio in qualsiasi posizione ipotizzabile) abbiamo scoperto una nuova informazione sulle orecchie : c’è una parte interna che regola l’equilibrio e che, quindi,aiuta riacquisirlo quando un piccolo koala ridendo urlacchia “gira tettaaaaaa” [ il dicorso è più elaborato ma procediamo per gradi concreti]

a livello matematico e di logica , oltre ai ragionamenti di tale natura che si prestano spontaneamente in ogni situazione, ho proposto una nuova attività : trova l’intruso in una sequenza di immagini [le ho preparate io reperendo molto comodamente le immagini dal web]. al momento le sequenze investono i concetti di : alto-basso; duro-morbido ; caldo- freddo; commestibile e non ; volano – non volano.
Inoltre, il puzzle sulla matematica che ha ricevuto in dono nelle ultime festività (acquistato presso Ecofeste) si ben coniuga ai suoi interessi. Sabato con la mia collaborazione esclusivamente manuale (…si era appena verificato un lancio disorganico di pezzi atterrati qua e là..) ha collocato in ordine sia le quantità che i relativi simboli

[mi sono chiesta come riuscisse ad associare; sulle quantità abbiamo sempre battuto il terreno ma non sui simboli.. questo mi ha nuovamente aperto gli occhi sulla recettività spontanea – definiamola unschooling – è chiaro che ci sono stati episodi in cui in presenza del simbolo è stato pronunciato il fonema e questo è stato un dato sufficiente ed esaustivo per il collegamento logico – induttivo]

A livello di motricità, una semplice corda si è prestata a molte attività libere.. a braccio, elenco : corsa a gambe lievemente divaricate con corda in metà, equilibrio sulla corda a terra e tentativi per rimanere aggrappato alla corda sospesa con gambe e braccia

Anche la cucina ha una grande importanza : giovedì è stato interamente dedicato alla preparazione di merende (senza conservanti), della cena (rustico con patate e mozzarella) e del pane. Il piccolo koala sa ormai utilizzare il coltello senza problemi, tant’è che le patate sono state affettate da lui, idem la mozzarella (scivolosa!). Io sono praticamente sempre con lui, mi accorgo di meno degli sviluppi di crescita,eppure talvolta è come se fossi una spettatrice estranea : anche solo vedere che la distribuzione degli ingredienti nei contenitori avviene in modo ordinato e preciso e che la frusta meccanica viene usata con dedizione e competenza, mi lascia senza fiato e parole!

Come mi è già capitato di scrivere, il sabato pomeriggio è un momento esclusivo del piccolo koala e del papà! Il papà è innatamente unschooler, il tempo che passano insieme è costruttivo e spontaneo nel modo più puro. Il sabato appena trascorso hanno condiviso il tempo utilizzando il trattore di BGM.. tramite semplici attività sono pervenuti al concetto di “destra-sinistra”.. tornati a casa mi ha domandato se avessimo mai fatto delle attività orientate, la risposta è stata ovviamente di No, eppure il piccolo koala ai comandi diretti : “gira a destra” o “gira a sinistra”, rispondeva con competenza!
Insomma, come sopra..

La domenica mattina BGM ha operato travasi e semina di fiori con i nonni mentre, nel pomeriggio, ha presenziato alle attività di laboratorio per bambini svolte da mamma e il resto del gruppo giovani

Con il lunedì si sono riaperte le danze settimanali: corso Suzuki! Devo dire che ultimamente BGM è un po’ insofferente, 1 ora di lezione all’interno non regge di fronte  al bel tempo di fuori, quindi, presenziamo ma senza forzature

Il viaggio in macchina si è prestato per notare altri elementi : i Papaveri [contemplati anche a casa grazie alle schede offerte da Lapappadolce] e la forza centrifuga nelle curve (poichè noi siamo all’interno del meccanismo)..si parlo di quella forza che ci fa ridere mentre ci spinge nella direzione inversa alla curva, fantastica!

La sera è stata completamente dedicata a un botta e risposta sul calcio.. gli interlocutori erano – ovviamente – BGM e il papà… mamma c’entra poco in questo ambito

Ieri, invece, è stata una giornata un po’ frenetica : acquisto dell’abito per il matrimonio
soggetto : BGM
devo ammettere che ha mostrato una pazienza e uno spirito collaborativo di grande spicco.. io mi sono stufata molto prima di lui
Chiuso il capitolo acquisti, ho tirato un sospiro di sollievo : ritorna l’amata tranquillità!
Durante il viaggio (guidava la nonna) BGM ha potuto dilettarsi e osservare una sorta di modellino moooolto casereccio e rudimentale di catapulta (ne ha sentito parlare per la prima volta in un documentario su Leonardo da Vinci) : un cucchiaio di plastica, una noce bloccata con il nastro di carta ed è fatta!

Comuni giochi d’acqua e un cesto ordinato con vari oggetti sono  serviti per fare considerazioni su ciò che galleggia e ciò che sprofonda. La verbalizzazione si è limitata al minimo, il resto del tempo è stato gestito autonomamente dal piccolo koala
Sempre in tema con i liquidi, abbiamo ripreso l’idea già proposta tempo fa [qui] ma, se all’epoca le osservazioni inerivano solo i colori, ora abbiamo potuto aggiungere considerazioni sulla densità e pesantezza.

Alla sera ho mostrato a BGM il lettore cd portatile, anche oggi mi ha mostrato soddisfatto l’utilizzo, è sempre una bella conquista un po’ di autonomia in più!

Oggi, invece, ci siamo molto concrentrati sulle sagome.. grazie al rotolo ikea, abbiamo steso una lunga superficie di carta per terra.. tutti corpi solidi hanno una sagoma comprese le mani, i piedi e l’intero corpo!!

Da 10 giorni a questa parte, BGM ha aggiunto anche la lettera B tra le sue “abilità” di scrittura
rispetto ad altre lettere come la A o altre vocali, è ancora imprecisa ma inizia a tracciarla sul foglio con padronanza