Ape: studio e giochi per scoprire

Ci ronza intorno,

a volte scappiamo urlando di timore,

a volte semplicemente ignoriamo con indifferenza la sua esistenza.

bee-13605898

Ultimamente sul nostro terrazzo incontriamo molte api,

capita anche di poterle osservare in attività, nel loro intenso lavorio.

Approfondire ed interessarsi alla vita di chi ti sta a fianco è un atto naturale, quasi istintivo.

Da qui il nostro desiderio di scoperta.

Oltre al prioritario ed intenso scrutare,

alcune attività ci hanno permesso di vivere e sentire a tutto tondo la loro essenza (ognuno con i propri canali di interiorizzazione preferiti).

Una riproduzione in feltro si presta bene alla simulazione e allo studio delle varie parti del corpo.

Ape in feltroparti del corpo

 

Carte in sezione, si offrono come strumento di logica e anatomia.

ape-in-sezione

Schede autoprodotte in formato tascabile seguono ovunque

e consentono raffronti nelle ricerche

 

copertinaciclo di vita apeAPE OPERAIA   FUCO

 

offrono l’opportunità di mimare una danza e comprendere che comunicare non è prerogativa del “parlare”.DANZA DELLE API

 

 

 

Contribuiscono a far si che si scruti con occhi diversi le specie vegetali ed animali,

comprendendone l’importanza

PELIIMPOLLINAZIONE

MONDO SENZA APIIO COMUNICO

Di conoscere i processi chimici e pragmatici a capo della trasformazione.

DAL NETTARE AL MIELE

 

Di ancorare l’oggi con la storia

CRETACEO

 

e l’arte

Ape nell'arte Ape nell'arte

 

Grazie a YouTube, abbiamo trovato questo video molto interessante

 

Per finire il ciclo di scoperte (ammesso e non concesso che davvero si possa concluderlo), un tocco musicale.

Nonostante la canzone citi anche altri animali e fenomeni,

pare che il passo sull’ape della canzone sull’estate

abbia fatto davvero breccia.

Che sia la porta per esplorare approfonditamente altri interessanti aspetti?

 

Chissà…

 

Eventi ed iniziative [Preferiti]

E’ il periodo in cui fioccano eventi di ogni tipo, in ogni luogo.

Scovarli, valutarli, scegliere è così divertente (e a tratti frustrante : troppe belle proposte e assenza di ubiquità)!

Questa è uno degli scopi del progetto Home-trippin (diramazione del gruppo di più ampio respiro ” Semi di Lino “) : trovarli, proporre e organizzare piccole gite “tutti” insieme (chi può, chi vuole).

Per le numerose proposte appartenenti alla rosa dell’Home-trippin’ vi invito ad unirvi al gruppo su fb, se vi fa piacere e se siete in zona (Piemonte); mentre, per quanto riguarda questo post, voglio dare risalto ad alcuni eventi ai quali abbiamo (noi, in famiglia) strizzato l’occhio!

[ordine cronologico]

Una delle più belle iniziative è sicuramente ” A lezione con gli animali” organizzato dalla Lida Pinerolo ONLUS

insieme a  questa altrettanto splendida (che si terrà, però, a Arese)

Nell’alveo del teatro :

L’isola dei bambini organizzato da Nonsoloteatro a Pinerolo

Il primo spettacolo cade il 27 giugno, si tratta di Cenerentola

Questa versione della fiaba gioca con gli elementi magici che coinvolgono Cenerentola nelle sue avventure con la fata buona e nel rapporto con gli altri personaggi. Questa magia prende la forma di un’enorme sedia costruita con pezzi di legno che, nella logica del “marchingegno teatrale”, continua a trasformarsi e a creare ambienti sempre nuovi, modificando il suo aspetto originario di sedia per diventare… una carrozza!  continua http://www.nonsoloteatro.com/

Immagini dell’interno 2012 – Festival del teatro delle marionette, Pinerolo 14 -23 giugno –

(cliccare sopra l’immagine per il programma completo)

Il 24, invece, al Castello della Manta  il pomeriggio dedicato alle famiglie ha come tematica “Erbe officinali e antichi rimedi”.

Insieme alle guide due attori della Compagnia Aocchiaperti, raffiguranti un mago e una fata, conducono i partecipanti tra le maestose stanze e presentano storie, aneddoti e tante curiosità. I piccoli visitatori, inoltre, potranno diventare protagonisti della narrazione vestendo i panni di fantasiosi personaggi. Al termine gustosi assaggi di prodotti gastronomici tipici locali. continua http://www.giovanigenitori.it/appuntamenti/giugno-2012/copy_of_avventure-alla-manta

Questa è la mia lista personale dei Preferiti, insomma, non è assolutamente esaustiva!

Ora non resta che trovare il modo (= organizzazione) per perdersi il meno possibile!

E voi, che programmi avete?

Dinosauri, dottori, porcellini, ……..

Sto ripensando alle ultime due settimane,
non perché siano più degne di nota del resto del resto del tempo trascorso in generale.
Semplicemente, mi sono venuti in mente questi  giorni.
GM continua a coltivare il suo interesse per i dinosauri. Tempo fa, visionando un cartone (capitato per caso senza nemmeno sapere che parlasse di dinosauri) ha scoperto e memorizzato la dicotomia tra erbivori/carnivori denti piatti/denti affilati.
Fortuna vuole che a Torino, sino al 1 luglio, sia aperta la mostra The days of dinosaur; dico solo che ci siamo già stati 3 volte, l’ultima delle quali giovedì scorso. Ogni visita diventa un’occasione per soffermarsi su un nuovo particolare.
Una visita ad una splendida libreria (che consiglio se siete nei paraggi) si è rivelata una risorsa per l’acquisto di un nuovo testo sull’argomento edito da Emme Edizioni. Ciò che ho apprezzato (io) del libro è il fatto di aver lasciato un attimo da parte i dinosauri più noti, per far spazio ad altri nomi!

I tre anni, poi, credo siano un’età particolare, molto feconda in nuovi aspetti.
Lo noto da come si appropinqua ad ogni materiale o spunto inerente, sia esso in italiano, in francese (lingua secondaria) o in inglese (lingua di sua scelta)…dal suo continuo desiderio di fare, cercare, trovare soluzioni, seguire le attività.
Ad ogni modo, come dicevo nell’incipit, sto pensando a questi ultimi giorni e allo stile di vita che stiamo seguendo.
Forse è privo di routine, anzi, eliminiamo il forse
eppure è armonico (per noi, si intende…magari un po’ meno per il papà).
Ogni giorno non si sa cosa si farà, si segue il flusso.
Lo scorso sabato, per esempio, dopo una mattinata alla Farm Serenity Cow, arrivati a casa, BGM ha trovato il nonno impegnato a riparare i tubi dell’acqua del cortile : ecco una nuova occasione per collaborare e scoprire. Non è rientrato per un’ora!
Il tempo ci permette anche di girovagare abbastanza e
[volo pindarico non così azzardato : ]
ormai mi viene da sorridere quando mi dicono che i bambini non scolarizzati diventano asociali o non hanno occasione per socializzare.
Oltre al fatto che il socializzare, per essere tale, contempla ogni età, ogni varietà,
in merito al desiderio e alle opportunità di contatto con coetanei e compari, lo spirito e le occasioni proprio non mancano!
E pensare che sino ad un annetto fa a volte persino si allontanava infastidito.
Come ho sempre pensato..diamo tempo al tempo…e soprattutto a queste giovani vite!
Ovunque vada incontra amici nuovi o già conosciuti, il tutto con la spontaneità dei bambini che sa superare ogni confine, ogni convenzione.
Ultimamente è anche coinvolto nelle dinamiche di accudimento dei neonati ( = bambole) con lo slancio di chi sta crescendo e si sente grande e di chi adora coccolarsi nel suo passato. Un esempio è il mei tai : che occhietti radiosi l’hanno riaccolto!
Mi lascio portare avanti nel discorso dalla cronologia.
Venerdì il papà si è fatto male al piede..corsa al pronto soccorso, radiografia, stampelle, cure, fasciature..fortunatamente nulla di grave, per quanto doloroso.
In tutto questo trasmbusto, BGM ci ha offerto una nuova prospettiva di visione dell’evento :
il papà temeva si fosse spaventato, lui era letteralmente eccitato ed emozionato per il discorso dottori e cure mediche!
Ha voluto sapere tutto e continua a farselo ripetere. La radiografia è uno dei suoi gioielli preziosi insieme a tutti gli strumenti medici improvvisati e reali che ha in casa.
Insieme ai dinosauri (e ad altro di cui andrò a parlare), l’ambito “medico” e l’anatomia sono nella top ten dei suoi interessi tra giochi di emulazione, letture, domande.
Sabato mattina per esempio, partendo dalle sagome dei nostri corpi si è tessuto un telaio, un puzzle, di anatomia dell’apparato digerente

Senza considerare le ripetute letture del libro “Il Signor e la Signora Anatomia” e la ricerca sul corpo dei “tunnel” blu chiamati vene e quant’altro.

E poi arriviamo ad oggi.
Oggi è ufficialmente diventata la giornata dei 3 porcellini!
E’ nata così, dalla lettura del testo, dalla richiesta di creare delle casette, dalla voglia di usare la fotocopiatrice, dallo spunto fornito dagli attrezzi da giardino e da dei fili da cucito avventurosi tanto da nascondersi per non farsi trovare, scendendo a patti solo con il gioco del nascondino.
Qua, per esempio, vediamo la preparazione della scenografia


Un particolare della casa di paglia  (cartone + paglia attaccata con colla a caldo)

e della casa di mattoni  (cartone e colori)

Ecco, poi, un porcellino

il secondo fratello

 e il terzo (l’abitante della casa di paglia, come si può vedere dall’abito)

[- i vestiti sono interscambiabili -]

E ancora. Il porcellino nella sua casa

la casetta di legno (cartone e stecchini)

E, occhio, il lupo!!

La creazione di teatrini, di scenette, scenografie improvvisate con risorse concrete, con materiali poveri o con la pura fantasia, occupa senza ombra di dubbio una fetta incisiva del tempo trascorso..

Devo terminare così il mio riassunto sommario ed semi-istantaneo…ho un ippopotamo che mi insegue!

Mamme, voi capite l’urgenza, vero?

Come back

E’ passato tantissimo tempo dall’apertura di questo blog, insomma, è passata un’intera estate!
I motivi che mi hanno tenuta lontana sono stati principalmente il fatto di aver trascorso una magnifica vacanza!!
Il piccolo koala è cresciuto tanto, nel giro di poche settimane ha fatto un cambiamento rivoluzionario!
Ora parla molto, ha imparato ad andare sul trattore elettrico (per bambini, quello da 3A in su), adora il gioco delle coppie e il memory, suonicchia (ad istinto) la tastiera e il flauto (con l’armonica ci stiamo lavorando).

Ultimamente poi è immerso nei numeri.. sono rimasta stupita perchè i numeri ed io siamo sempre stati cordiali amici ma senza troppi convenevoli. Mi ritrovo quindi ad esplorare un altro aspetto, quello che il piccolo koala mi sta mostrando : il mondo è fatto di numeri!
Il primo approccio che ha con un oggetto è quello di contare (le parti che lo compongono, le sue linee, etc.) si arma di un indice ritto, impettito e attento eeeee…..: via ad indicare e contare (non sillaba i numeri, fa un versetto specifico).
Ho rispolverato i cartelli del Doman (li avevo sfruttati quando era piccolissimo per aiutarlo a sviluppare la differenzazione visiva), si è illuminato!
Ogni tanto parte e da solo va a prendere i cartelli sino al sette, si siede e conta conta conta…

Ispirata dal fatto, questa settimana abbiamo scoperto le forme bidimensionali, in particolar modo il rettangolo, il triangolo e la circonferenza (che ci rende un po’ perplessi perchè non è come gli altri “mamma i lati?”)

Sono contenta, al di là del fatto in sé, di notare come stia seguendo i suoi interessi (ho talvolta timore di esercitare una qualche influenza e di non favorire a pieno il suo sbattere di ali che precede il volo).

L’estate è stata quindi ricca di eventi, sono innamorata, sono parte di questa poesia scritta a 6 mani quelle del nostro BimboGranMeraviglia, quelle di PapàFolletto e le mie