Mille idee per un oggetto

C’è un’attività che, fra le varie, mi è stata insegnata da BGM

Mille usi di…… un qualsiasi oggetto

E come al solito, io mi inchino al maestro! 
Non saprei davvero trovare così tanti utilizzi di un qualsivoglia oggetto!

Il bello dell’attività è che nasce così, sospesa tra la sua praticità e la sua etereità

Di recente, ho assisito alla nascita di un vortice di idee aventi come sostrato la pila di cubi in cartone

Oltre che come torre con la caccia al baricentro e il piacere di distruggere e rifare

I cubi si prestano decisamente come cuscini
(nel mondo della potenzialità, difficilmente c’è qualcosa di scomodo)
ma anche come strumenti musciali e come trampolini per nuove peripezie
Si predispongono ancora come strumenti acustici per percepire, proprio con mano (poggiandola),
le vibrazioni del suono della voce e la diveristà di espansione
e sia come canestri che come contenitori/depositi..magari come garage..
e, ovviamente, in qualità di test naturale per le grandezze
“La creatività non sta nel trovare nuovi paesaggi, ma nell’avere occhi nuovi.”
(Marcel Proust)

Riutilizzo stecchini

Non so voi ma casa nostra è sommersa da stecchini di ghiaccioli
il che non è poi così male calcolando la loro versatilità!

Ispirata ho creato questo puzzle per BGM

 Materiale :

Nastro di carta, stecchini, foto

Con il nastro di carta bloccare le estremità degli stecchini
e incollare la foto

una volta incollato, togliere il nastro adesivo e separare i legnetti con un taglierino

Sfumature di colore

Un altro materiale in grado di soddisfare le domande di BGM sui colori

[inciso : le domande che pone riguardano tutto lo scibile del suo mondo, ora mi sto riferendo unicamente a quelle sui colori]

è questo :

Trattasi di matassine di filo da ricamo presenti in un kit regalatomi all’età di 12 anni, praticamente mai utilizzato sino alla gravidanza di BGM (quando sono stata nuovamente colta dalla passione per il punto croce)

Messe in ordine di gradazione, si prestano sia per l’apprendimento verbale della sfumatura di colore
sia come attività logica (traducasi con : matassine, prima sparse ovunque, poi reinserite)

Numero 1

Come già riportato in precedenza, BGM sembra mostrare competenza nelle quantità e nei simboli numerici,  ama contare – non mi riferisco solo al riportare la sequenza fonetica numerica – (quando era piccolissimo ricordo che emetteva un verso simile a “kn” ripetuto con la cadenza da conta) e perdersi in attività affini in tutte le varianti

Una di queste attività appena introdotte prevede feltro e velcro

Partendo dal numero/quantitativo di 1
abbiamo realizzato questo

BGM ha
prima, ritagliato la sagoma della gallina (le finiture con il mio ausilio)
poi, incollato l’immagine sul foglio

apposto gli adesivi del velcro

attaccato l’uovo (in feltro) della gallina e il suo simbolo numerico

Si tratta di un’attività per certi versi semplice ma che permette di affinare abilità in progresso come tagliare con le forbici, apporre/incollare oggetti in modo organico  e unire il suo amore per i numeri!

Che (ri)scoperta i tappetoni!

Ieri BGM ha ufficialmente compiuto 2 anni!
Sabato abbiamo dato il via a 3 giorni di festeggiamenti (abbiamo potuto profittare del fine settimana per distribuire in modo ottimale l’invadenza di parenti).
Anche la distribuzione di regali è stata graduale (da evitare lo stress in capo a bambini sommersi da pacchi e costretti a vivere la tensione e l’aspettativa di sorrisi e reazioni che i donatori esigono!)
Dal canto nostro i regali sono (come sempre) orientati all’acquisto di materiali e attività che lo accompagnino nella crescita.

La giornata di ieri è stata magica..
la pelle ricorda.. tutto era diverso.. meravigliosamente surreale!
BGM non ha voluto riposarsi di pomeriggio per cui abbiamo trascorso l’intero monte di ore insieme!

Non mi dilungherò molto, le emozioni devono essere lasciate libere di volare, allontanarsi ed assalire
non possono essere schematizzate

Passerò quindi a riportare un piccolo fatto, marginale o importante dipende..
Si sa, ciò che una persona sa fare, ha importanza non come prodotto finito in sé, semmai perchè rappresenta una piccola sfaccettatura del suo lavoro e del moto interiore nonchè, ancora più ampiamente e precisamente, della sua personalità unica ed irripetibile in perenne divenire.. in questo senso, si, ogni gesto ha molta importanza!

..quindi, venendo al dunque..

tra i vari elementi che hanno fatto da contorno alla giornata, è rispuntato il tappetone!
Utilizzato (leccato, testato, spelato, etc) sino ai primi passi di BGM è rimasto in disparte per un anno fino a ieri.. e che sorpresa!
Avrebbe dovuto fungere da base per il regalo dei nonni, insomma, avrebbe di nuovo dovuto stare in secondo piano.. invece… BGM, appena l’ha visto, ha emesso un urletto di sorpresa!
E via.. a montare, attaccare, rimettere … ma… ma … cosa c’è in mezzo?

“Mamma A!” 
“Mamma P!”
……………….
……………..
“Mamma otto!”
………………….
…………………

Pure lui si presta per/in/con lettere e simboli numerici!
Bentornato tappetone!

[e pensare che ogni giorno vado in cerca di nuovi elementi e materiali da introdurre… devo controllare ancora più sovente ciò che sembrava aver fatto il suo corso!]

Verso i 2 anni

Purtroppo non trovo sempre il tempo di aggiornare il blog quanto vorrei ma tant’è… la situazione è questa!

BGM si avvicina al compimento dei 2 anni! Da 10 giorni a questa parte è un turbinio di domande! Sono sempre stata ben consapevole della mia ignoranza ma mai avrei immaginato un abisso così profondo!
Il risvolto positivo è che non c’è da fingere : si cerca e scopre insieme! Fantastico!

Il piccolo koala ormai sa dove reperire i libri che gli forniscono le risorse enciclopediche teoriche, lui prende e porta a mamma : insieme si guarda e legge! Il sostrato da cui ci si muove è la vita quoditiana : una settimana fa abbiano notato per la prima volta il canto dei grilli, ora ci capita spesso di uscire la sera solo per ascoltare un pezzo di questa melodia; domenica abbiamo incrociato un tafano, ieri vespe, insomma la vita è un libro da sfogliare

Stiamo approfondendo il tema della forza di gravità aiutandoci con supporti come scale o trampolini improvvisati per fare previsioni su quale degli oggetti toccherà prima per terra, per il resto bastano lanci e verbalizzazioni

BGM è sempre stato un bambino acrobata : salti, giri, piroette, lanci, capriole. Tramite il gioco del “gira gira come una trottola” (ove la trottola che gira è la sottoscritta con BGM in braccio in qualsiasi posizione ipotizzabile) abbiamo scoperto una nuova informazione sulle orecchie : c’è una parte interna che regola l’equilibrio e che, quindi,aiuta riacquisirlo quando un piccolo koala ridendo urlacchia “gira tettaaaaaa” [ il dicorso è più elaborato ma procediamo per gradi concreti]

a livello matematico e di logica , oltre ai ragionamenti di tale natura che si prestano spontaneamente in ogni situazione, ho proposto una nuova attività : trova l’intruso in una sequenza di immagini [le ho preparate io reperendo molto comodamente le immagini dal web]. al momento le sequenze investono i concetti di : alto-basso; duro-morbido ; caldo- freddo; commestibile e non ; volano – non volano.
Inoltre, il puzzle sulla matematica che ha ricevuto in dono nelle ultime festività (acquistato presso Ecofeste) si ben coniuga ai suoi interessi. Sabato con la mia collaborazione esclusivamente manuale (…si era appena verificato un lancio disorganico di pezzi atterrati qua e là..) ha collocato in ordine sia le quantità che i relativi simboli

[mi sono chiesta come riuscisse ad associare; sulle quantità abbiamo sempre battuto il terreno ma non sui simboli.. questo mi ha nuovamente aperto gli occhi sulla recettività spontanea – definiamola unschooling – è chiaro che ci sono stati episodi in cui in presenza del simbolo è stato pronunciato il fonema e questo è stato un dato sufficiente ed esaustivo per il collegamento logico – induttivo]

A livello di motricità, una semplice corda si è prestata a molte attività libere.. a braccio, elenco : corsa a gambe lievemente divaricate con corda in metà, equilibrio sulla corda a terra e tentativi per rimanere aggrappato alla corda sospesa con gambe e braccia

Anche la cucina ha una grande importanza : giovedì è stato interamente dedicato alla preparazione di merende (senza conservanti), della cena (rustico con patate e mozzarella) e del pane. Il piccolo koala sa ormai utilizzare il coltello senza problemi, tant’è che le patate sono state affettate da lui, idem la mozzarella (scivolosa!). Io sono praticamente sempre con lui, mi accorgo di meno degli sviluppi di crescita,eppure talvolta è come se fossi una spettatrice estranea : anche solo vedere che la distribuzione degli ingredienti nei contenitori avviene in modo ordinato e preciso e che la frusta meccanica viene usata con dedizione e competenza, mi lascia senza fiato e parole!

Come mi è già capitato di scrivere, il sabato pomeriggio è un momento esclusivo del piccolo koala e del papà! Il papà è innatamente unschooler, il tempo che passano insieme è costruttivo e spontaneo nel modo più puro. Il sabato appena trascorso hanno condiviso il tempo utilizzando il trattore di BGM.. tramite semplici attività sono pervenuti al concetto di “destra-sinistra”.. tornati a casa mi ha domandato se avessimo mai fatto delle attività orientate, la risposta è stata ovviamente di No, eppure il piccolo koala ai comandi diretti : “gira a destra” o “gira a sinistra”, rispondeva con competenza!
Insomma, come sopra..

La domenica mattina BGM ha operato travasi e semina di fiori con i nonni mentre, nel pomeriggio, ha presenziato alle attività di laboratorio per bambini svolte da mamma e il resto del gruppo giovani

Con il lunedì si sono riaperte le danze settimanali: corso Suzuki! Devo dire che ultimamente BGM è un po’ insofferente, 1 ora di lezione all’interno non regge di fronte  al bel tempo di fuori, quindi, presenziamo ma senza forzature

Il viaggio in macchina si è prestato per notare altri elementi : i Papaveri [contemplati anche a casa grazie alle schede offerte da Lapappadolce] e la forza centrifuga nelle curve (poichè noi siamo all’interno del meccanismo)..si parlo di quella forza che ci fa ridere mentre ci spinge nella direzione inversa alla curva, fantastica!

La sera è stata completamente dedicata a un botta e risposta sul calcio.. gli interlocutori erano – ovviamente – BGM e il papà… mamma c’entra poco in questo ambito

Ieri, invece, è stata una giornata un po’ frenetica : acquisto dell’abito per il matrimonio
soggetto : BGM
devo ammettere che ha mostrato una pazienza e uno spirito collaborativo di grande spicco.. io mi sono stufata molto prima di lui
Chiuso il capitolo acquisti, ho tirato un sospiro di sollievo : ritorna l’amata tranquillità!
Durante il viaggio (guidava la nonna) BGM ha potuto dilettarsi e osservare una sorta di modellino moooolto casereccio e rudimentale di catapulta (ne ha sentito parlare per la prima volta in un documentario su Leonardo da Vinci) : un cucchiaio di plastica, una noce bloccata con il nastro di carta ed è fatta!

Comuni giochi d’acqua e un cesto ordinato con vari oggetti sono  serviti per fare considerazioni su ciò che galleggia e ciò che sprofonda. La verbalizzazione si è limitata al minimo, il resto del tempo è stato gestito autonomamente dal piccolo koala
Sempre in tema con i liquidi, abbiamo ripreso l’idea già proposta tempo fa [qui] ma, se all’epoca le osservazioni inerivano solo i colori, ora abbiamo potuto aggiungere considerazioni sulla densità e pesantezza.

Alla sera ho mostrato a BGM il lettore cd portatile, anche oggi mi ha mostrato soddisfatto l’utilizzo, è sempre una bella conquista un po’ di autonomia in più!

Oggi, invece, ci siamo molto concrentrati sulle sagome.. grazie al rotolo ikea, abbiamo steso una lunga superficie di carta per terra.. tutti corpi solidi hanno una sagoma comprese le mani, i piedi e l’intero corpo!!

Da 10 giorni a questa parte, BGM ha aggiunto anche la lettera B tra le sue “abilità” di scrittura
rispetto ad altre lettere come la A o altre vocali, è ancora imprecisa ma inizia a tracciarla sul foglio con padronanza